pulizia

– Come Mantenere le Tue Finestre Belle ed Efficienti (e salvarti dai 7 cavalieri dell’apocalisse)

puliziaOggi, voglio arrivare subito al sodo.

In questi anni, ho venduto finestre a tanti privati.

Purtroppo, ho riscontrato che molti sono convinti che una volta installata, la finestra debba come per magia funzionare perfettamente per tutta la sua vita.

Se anche tu fino ad ora lo pensavi, come vedi sei in ottima compagnia.

Circa il 47% delle persone che hanno acquistato da me lo hanno pensato.

Mi è dispiaciuto contraddirle, ma come loro consulente e fornitore, è giusto che sappiano la verità.

Purtroppo come ogni bene durevole che si usa ogni giorno, come ad esempio l’automobile, elettrodomestici etc. La finestra ha bisogno di una manutenzione periodica.

Si parliamo di revisione periodica, perché se farai queste semplici operazioni, la tua finestra rimarrà bella e funzionante a lungo.

  • Senza infiltrazioni e spifferi
  • Senza Spendere Soldi in ricambi e verniciature per molto tempo
  • Senza faticare

Anche se Non sei un tecnico che si occupa di finestre.

Finita questa breve introduzione, ti svelo quali sono i principali nemici e le operazioni da seguire per mantenere in forma le tue finestre in Pvc, oppure in Legno, che sono il mio pane quotidiano.

I 7 Principali Nemici Delle Tue Finestre  

Oltre agli agenti atmosferici, la finestra è sottoposta ad una serie di stress più o meno quotidiani che variano a seconda di dove vivi e di come le usi.

1) Acqua Stagnante nel telaio della finestra.

Le finestre di nuova costruzione, sia in Legno che in Pvc hanno nel telaio una parte dedicata al deflusso dell’acqua piovana e dell’aria che entrano dal telaio del serramento.

Se il telaio è sporco l’acqua si ferma e crea un ristagno che può arrivare a:

  • rovinare la laccatura/verniciatura degli infissi in legno

  • ossidare gli scontri della ferramenta

Per risolvere il problema basta semplicemente aprire i battenti e pulire periodicamente con un panno di cotone o carta imbevuta di acqua tiepida ed asciugare il tutto una volta rimosso lo sporco.

Puoi utilizzare un detergente neutro nel caso di sporco resistente.

  1. La Salsedine (Se vivi in zone di mare)

E’ forse il nemico più ostico da combattere e spesso si possono solo rallentare i Suoi effetti corrosivi.

Tra i danni che arreca troviamo:

  • verniciature su legno e metallo che si sfogliano

  • marcescenza del legno in casi estremi

  • pellicole applicate sul Pvc scolorite e scollate

  • ferramenta ossidata

  • guarnizioni esterne che seccano e si rompono.

Il consiglio che mi sento di darti è di mantenere il più possibile puliti i profili delle finestre, le guarnizioni e le parti di ferramenta.

Pulire le guarnizioni con un panno e detergente neutro, contro la salsedine ed il forte irraggiamento solare da solo non basta.

Almeno 1 volta all’anno dopo la pulizia passaci sopra dell’olio di vasellina, in modo che mantengano la loro elasticità nel tempo.

  1. La condensa combinata ad uno scarso ricambio d’aria.

Se il ricambio d’aria non è sufficiente, l’umidità presente nella nostra casa tende ad aumentare anche solo per mezzo del respiro umano e dello scambio di calore che i nostri corpi hanno con l’ambiente circostante.

L’eccessiva umidità può manifestarsi con la formazione di rugiada sui vetri, con il rischio di rovinare le superfici del serramento, specie se legnose.

Per evitare l’insorgere di muffa e condensa sui serramenti, basta attuare un ricambio d’aria almeno per 5 minuti 2 volte al giorno, spalancando le finestre in modo da creare corrente d’aria.

  1. La scarsa manutenzione della ferramenta.

Capita molto di frequente che le porte finestre, con doppi o tripli vetri, a causa del loro peso tendano a perdere la registrazione.

Significa in termini semplici che risultano più difficili da aprire e chiudere.

E’ una cosa che può accadere anche ad un serramento perfettamente installato, se non correttamente utilizzato o semplicemente per assestamenti della finestra o della casa.

Ho constatato negli anni che il 72% delle persone tendono a minimizzare questi problemi, trascinandoli anche per molti anni.

Decidono di rivolgersi all’installatore SOLO quando la situazione richiede di mettere mano al portafoglio, come ad esempio per:

  • Sostituire le guarnizioni rotte dall’errato utilizzo

  • Sostituire parti di ferramenta rotte o gravemente usurate.

  • Battenti rovinati in maniera irreparabile

Il consiglio che ti do è quello di concordare con il tuo installatore un piano di revisione e registrazione periodica annuale o biennale degli infissi, in modo da mantenerli sempre perfettamente funzionanti con la minima spesa.

  1. La ferrovia

Purtroppo la polvere ferrosa della ferrovia e veramente deleteria per le superfici dei serramenti, di qualsiasi materiale, ad eccezione del Pvc bianco in massa (ma non in tutti i casi)

La corrente galvanica che si crea nell’attrito tra rotaie e ruota crea una polvere che una volta depositata sulle superfici tue finestre, persiane o tapparelle (anche se nuove fiammanti), provoca un rapido deterioramento della verniciatura, fino a ossidarla in pochi mesi.

Inoltre, la polvere ferrosa combinata a pioggia o sole battente, può causare la formazione di sporco ostinato anche sulle superfici in Pvc bianco, notoriamente le più resistenti allo sporco.

Purtroppo quando lo sporco si è depositato per molto tempo, non bastano più detergenti normali, con il rischio di rovinare ulteriormente le superfici.

Mantieni le tue finestre pulite con una cadenza mensile, ponendo particolare attenzione dopo la pioggia e periodi molto assolati come in estate.

  1. I detergenti aggressivi (gli sgrassatori)

In generale detergenti che garantiscono risultati eccezionali con il minimo sforzo, come moltissimi sgrassatori sono da evitare come la peste nella pulizia delle finestre, causano danni a lungo termine alle nostre finestre.

Sgrassatori e detergenti aggressivi possono:

  • Rovinare le superfici, macchiarle, ingiallirle e scolorirle

  • ossidare la ferramenta

  1. I lavori edili

I lavori edili vicino alle finestre sono quanto di più pericoloso per i tuoi serramenti

Senza considerare gli urti (immancabili), che ovviamente lasciano segni indelebili sulle superfici, schizzi di vernice e di malta e materiali cementizi in genere possono macchiare e rovinare le superfici delle finestre.

Ad esempio se ha una finestra in legno di larice, la cosa può diventare ancora più marcata ed evidente per via dei tannini che reagiscono con le sostanze alcaline presenti nei prodotti cementizi.

Molto importante poi non effettuare operazioni che generano scintille metalliche ad elevata temperatura in prossimità dei vetri.

La scintilla incandescente se a contatto con il vetro diventa corpo unico, creando puntini neri visibili ad occhio nudo e abrasivi al tatto, rovinando irreparabilmente la superficie vetrata.

Infine polvere e residui che finiscono nella ferramenta, possono pregiudicarne il funzionamento e comportare la sostituzione di diverse parti, non proprio gratuite.

Fai Proteggere adeguatamente le tue finestre, con teli e nastri adesivi, avendo cura di togliere i nastri il prima possibile. Dove puoi fai togliere i battenti e mettili al riparo 🙂

Valentina Biggio

 

 

Share this post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email